Allattamento in acqua

Quando nel 1990 parlavo di allattamento in acqua, nel mio primo libro, nessuno avrebbe potuto immaginare quanta diffusione avrebbe avuto l’attività del Nuoto Baby, soprattutto perché i suoi innumerevoli benefici erano ancora tutti da dimostrare

( vedi anche questo articolo https://nuotobaby.it/quali-sono-i-benefici-del-nuotobaby/)

L’esperienza, la ricerca scientifica e trent’anni di pratica in acqua con Genitori e neonati hanno cambiato radicalmente le cose ed oggi nessuno si stupisce se in piscina, le mamme allattano serenamente i loro bambini durante la lezione in piscina.

UNITI COME PRIMA DI NASCERE

 

 

Naturalmente l’allattamento in acqua deve essere considerato un momento privilegiato per la diade madre/bambino ed ha bisogno di alcune accortezze:

  • La mamma deve sentirsi assolutamente suo agio
  • La collocazione spaziale in un angolo della vasca fa sentire più contenuta la diade ed infonde sicurezza
  • Meglio scegliere un momento di tranquillità, evitando di allattare il bambino se in vasca c’è troppa confusione (Acquagym, Fitness con musica ad alto volume)
  • Scegliere una posizione comoda, con la schiena appoggiata alla parete, le gambe leggermente divaricate e piegate, per un maggiore equilibrio del corpo in acqua
  • Indossare scarpette o calzine antiscivolo idonee all’uso in acqua
  • Preventivare che il bambino possa anche addormentarsi:

l’acqua, come il liquido amniotico del ventre materno, si muove continuamente, avvolge, dondola e funge da culla naturale

  • Tranquillizzarsi rispetto ad ipotetici pericoli di contaminazione del latte, a contatto con i disinfettanti dell’acqua: se il Cloro potesse, in quantità rilevanti, trapassare così facilmente dalla pelle al sangue della madre (http://www.mammeonline.net/content/allattare-al-seno-spiaggia-vacanza ), inquinando irreversibilmente tutto il sistema  circolatorio, le piscine sarebbero tutte vietate per legge!

“Noi non veniamo dalle stelle o dai fiori,
ma dal latte materno”

Shakespeare

 

Durante l’allattamento in acqua, entrano in gioco non soltanto fattori fisici, ma anche psicologici: il neonato trova nella poppata in acqua al seno materno una fonte da cui attingere sia il sostentamento vitale, sia il suo bisogno di affetto, di rassicurazione e di comunione con la mamma.

Allattare nell’acqua diviene anche un esercizio utile per la terza fase del Metodo, quella del richiamo del riflesso di Apnea (RA) e dovrebbe essere consigliata a tutte le mamme, anche nella vasca da bagno di casa.

Avvicinando e contenendo mamma e bebè come in un amorevole abbraccio indissolubile, l’acqua ripristina il loro rapporto primordiale senza forzature, in modo dolce e del tutto naturale (vedi anche l’articolo che spiega perche´’ il nuotobaby favorisce il rapporto bambino/ mamma), contribuendo a riorganizzare in una simbiosi perfetta il loro legame.

ALLATTAMENTO IN ACQUA E BONDING

Dall’inglese “bond”, e dagli studi di alcuni ricercatori ( Winnicott, Leboyer, Odent ) in riferimento al legame tra il neonato e i suoi genitori, anche in Italia si incomincia a parlare di “Bonding”, intendendo delineare con tale espressione il legame profondo tra il bambino e le sue figure di riferimento.

 

Chiudi menù

Certificazione NuotoBaby

Attestato

Ancora pochi posti disponibili.

Cliccando su "invia" chiedo alla dott.ssa Giletto di valutare la mia candidatura. Riceverò conferma entro 24 ore!

Dati protettiI tuoi dati sono prottetti e non verranno mai ceduti a terzi.

Sei ad un passo dalla tua lezione GRATIS! 85%

Dove possiamo inviarti il Coupon?

Inserisci il tuo Nome & Email qui Sotto

Odiamo lo Spam quanto te! I tuoi dati con Noi sono al Sicuro!